Santuario Madonna dell'Ambro


Vai ai contenuti

Menu principale:


Maria appare da duemila anni

Voce del Santuario > 2014

Le apparizioni di Maria non sono un fenomeno esclusivo del nostro tempo, come molti pensano, ma hanno segnala vita del popolo cristiano nei suoi oltre duemila anni di storia, come attestano nei loro scritti anche antichi autori e gli stessi Padri della Chiesa.

Nel Primo Millennio, a dare notizia di un'apparizione mariana comincia Gregorio Nisseno (+392), che racconta come la Vergine fosse apparsa nel 231 a Gregorio Taumaturgo. Lo storico Sozomeno (+450), nella sua opera "Storia Ecclesiastica", racconta addirittura che le apparizioni della Mariane erano molto comuni nella città di Costantinopoli, all'interno di un "Gruppo di preghiera" guidato da San Gregorio Nazianzeno e che, proprio per questo, esso si distingueva da tutti gli altri. Anche Sulpicio Severo (+425) racconta dell'apparizione di Maria a San Martino di Tour. Giovanni Mosco (+619) nel suo "Prato Spirituale" descrive quella all'abate Ciriaco in difesa della divina maternità contro l'eresia di Nestorio e quella al bestemmiatore Gaiano per convertirlo; lo Pseudo Basilio di Cesarea (VII secolo), racconta di aver visto lui stesso la Vergine, mentre le dedicava la prima chiesa nella città di Filippi. Molti altri antichi autori parlano di apparizioni mariane, come Gregorio di Tour (+594), Beda il venerabile (+735), Teofilo di Alessandria (VI-VII secolo), Giovanni da Salerno (X secolo) e altri.

Medyugorye luogo dove il popolo di Dio percepisce la presenza della Madre di Dio


Antichi santuari e famose cattedrali
sono sorte in seguito ad un'apparizione mariana. Così la Basilica del Filar a Saragozza, sorse sul luogo dell'apparizione di Maria a San Giacomo Maggiore, evangelizzatore della Spagna, avvenuta il 21 gennaio del 41 d.C; il famoso Santuario di Le Puy fu edificato sul monte Anis, in ricordo dell'apparizione a una donna di nome Vila, miracolosamente guarita da una grave malattia, e per uno stesso identico motivo San Fulberto fece costruire nel 1080 la meravigliosa cattedrale di Chartres.

Il Secondo Millennio e gli inizi del Terzo, sono segnati da sempiù numerose e documentate apparizioni mariane, con un crescendo significativo a partire dal XIX secolo. Diversi esperti e insigni mariologi danno numeri impressionanti del fenomeno. Ad esempio, il Billet solo dall'idel XX secolo al 1990 parla di 527 tra apparizioni ed eventi prodigiosi in 70 nazioni; il famoso mariologo Rene Laurentin, nel suo poderoso volume "Dizionario della apparizioni della Vergine Maria", elenca dalle origini del Cristianesimo a oggi oltre duemila tra apparizioni e interventi straordinari della Vergine. Ma di tutte queste innumerevoli apparizioni mariane, la Chiesa ne ha riconosciute ufficialmente fino a oggi soltanto 15, tra cui quelle di Laus avvenute dal 1618 al 1664, La Salette nel 1846, Lourdes nel 1858, Pontmain nel 1871, tutte in Francia; Champion nel 1859 in U.S.A.; Knock nel 1879 in Manda; Fatima nel 1917 in Portogallo; Beauraing nel 1932 e Banneux nel 1933 in Belgio; Amstavvenute tra il 1945 e il 1959 in Olanda; Akita dal 1973 al 1981 in Giappone; Kibeho dal 1981 al 1986 in Ruanda. Altre due famosissime apparizioni in pratica riconosciute dalla Chiesa sono quelle della Medaglia Miracolosa nel 1830 a Parigi e quelle della "Morenita" (Nostra Signora di Guadalupe) a Città del Messico nel lontano 1531.

fra Saverio Santini, nel suo 60° di messa, incontra Papa Francesco

santina...la testimone dell'apparizione che ha gerato la storia dell'Ambro

L’origine del santuario Madonna dell’Ambro risale a un evento prodigioso accaduto, secondo tradizione, nell'anno Mille. In una località chiamata "Fondo Amaro" dal nome del fiume "Amaro" che l'attraversava (divenuto in seguito "Ambro" forse per l'errore di trascrizione di un distratto amanuense), una giovane pastorella di nome Santina, sordomuta dalla nascita, passava ogni giorno per portare al pascolo il suo gregge di pecore. Nonostante la sua infermità, la mamma con pazienza era riuscita ad inculcarle una speciale devozione alla Beata Vergine Maria. Santina portava sempre con sé una piccola immagine della Madonna che spesso appendeva al tronco di un faggio cresciuto nel "Fondo Amaro". In una di queste circostanin un giorno imprecisato del mese di maggio dell'anno Mille, Santina ricevette il dono più grande e inaspettato che potesse mai immaginare. La ragazza era in preghiera presso il faggio quando la Madonna con Gesù Bambino in braccio le apparve nel cielo. Al termine dell'apparizione la vita di Santina non fu più la stessa. Era diventata la prova vivente della grazia di Dio: non più sordomuta, ora finalmente la giovane pastorella poteva sentire e parlare! Questa guarigione prodigiosa ha dato origine al santuario della Madonna dell'Ambro sorto sul luogo dell'apparizione, divenuto subito meta di pellegrinaggi


Torna ai contenuti | Torna al menu